Covid-19: come la chiesa sta affrontando l'emergenza

Culto 29 marzo 2020

Presidenza: Dario

CI INCONTRIAMO NELLA SUA PRESENZA

Lettura biblica: Ebrei 13,8

8 “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno”

Nel mondo si possono incontrare persone che possono aver fatto fondamentalmente due tipologie di scelte nella propria vita: la prima è quella di aver scelto di essere dipendenti da Dio (Sl 1,6 il Signore conosce la via dei giusti), e l’altra è quella di essere completamente indipendenti da Dio ( Sl 1,6 la via degli empi conduce alla rovina).

Mentre la seconda non vede nessun tipo di possibilità se non la rovina, come dice il salmista e sempre che non sia Dio a scegliere nella sua immensa grazia di portare a salvezza, nel primo caso possono esserci due “sotto categorie”, la prima è quella di chi sceglie di essere totalmente dipendente da Dio, la seconda, che è quella molto concreta, di cadere nel tranello di pensare di poter ricercare Dio solamente quando effettivamente se ne sente fortemente bisogno, perché magari è legato ad una situazione del momento, e lo ricerchiamo quando abbiamo problemi di salute, problemi economici, problemi familiari o in generale quando siamo preoccupati.

Poi nel momento in cui, anche magari con l’aiuto di Dio, il problema viene superato, o apparentemente sembra che vada tutto bene, torniamo nuovamente a mettere da parte Dio e quindi rimettere al centro qualcos’altro. Come magari adesso a causa di questa pandemia sembriamo tutti molto più alla ricerca di Dio, sia a livello personale, familiare, di chiesa, della città, nazionale o mondiale, non che ci sia niente di sbagliato in tutto questo, ma quando tutto questo passerà?

Noi invece siamo già stati fortemente esortati a riflettere in queste ultime due domeniche, facendo il culto in questo contesto anche se in forma diversa, su qual è la nostra autorità. Chi invece sceglie di non essere dipendente da Dio continua a mettere al centro l’uomo: quali attività fai in casa durante la quarantena, quali donazioni, quali iniziative per intrattenere e sembrano avere tutti uno stesso indirizzo: lo faccio per il prossimo. Quando magari nel mondo ci sono posti in cui tutto questo è la normalità, eppure non ce ne si preoccupa più di tanto.

Il brano che abbiamo letto, Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno, ci dice invece:

Ieri: che Dio è quello che sin dalla creazione, passando per la venuta del Signore Gesù, passando per la morte e resurrezione del Signore Gesù Cisto ha sempre protetto il suo popolo anche in difficoltà molto peggiori di quella di oggi, basta pensare a Esodo da 9 a 11, dove Dio ha sempre avuto tutto sotto il suo controllo e dove ha sempre portato avanti il suo piano, chiedendo a tutto il popolo di Israele di avere fede ed ubbidirgli.

oggi: anche oggi Dio ci chiede questo, avere fede in Lui sempre, sia nei momenti difficili che nei momenti dove tutto sembra andar bene, e non ricercarlo solamente adesso con più fervore perché ci sentiamo “minacciati”, perché è sempre quello stesso Dio che chiede fede e ubbidienza perché sta portando avanti il suo piano e di cui Lui ha pienamente il controllo e salvaguardia il suo popolo.

eterno: sarà così anche per il nostro futuro, perché è sempre lo stesso Dio che ha fatto un patto con noi, un patto eterno (Eb 8). Ecco qualcuno a cui poterci rivolgere con piena fiducia, sapendo che è Lui che regna in maniera concreta e non come gli uomini che guardano solo ai loro interessi politici economici o sociali e che non danno alcun tipo di fiducia e speranza.

CELEBRIAMO LA SUA GRANDEZZA
  • Canto: “Gesù Cristo è verace e fedele” (n. 661)
  • Preghiera: liberamente sulla scia dell’introduzione
  • Canto: “Dio Regna” (n. 606)
  • Tempo libero di preghiere e testimonianze
ASCOLTIAMO LA SUA PAROLA
  • Canto: “Redentor del mondo” (n. 647)
  • Predicazione audio: “Io Sono il pane della vita” (Giovanni 6,32-51) (Pastore Pietro Bolognesi)
  • Canto: “Come il cervo anela all’acqua” (n. 731)
RISPONDIAMO ALLA SUA CHIAMATA
  • Offerta: per chi lo desidera è possibile mettere da parte l’offerta per quando sarà possibile incontrarsi nei locali.
  • Comunicazioni:
    • La scaletta del culto di domenica prossima sarà disponibile all’indirizzo: https://www.chiesaevangelicapadova.it/culto-5-aprile-2020.
    • L’Alleanza evangelica mondiale ha suggerito di celebrare oggi 29 marzo, una “Giornata mondiale di preghiera e digiuno” per la crisi dovuta alla pandemia del Covid19. Tutti i cristiani sono incoraggiati a prendere del tempo durante questa giornata per stare davanti al Signore e presentargli la propria comunità, le propria città, le nazioni ed il mondo intero, intercedendo per coloro che sono colpiti direttamente e per la situazione generale di crisi. Invochiamo il Signore, affinché il Suo nome sia onorato, la Sua volontà venga conosciuta, le nazioni cerchino la Sua faccia, il Suo popolo proclami le Sue virtù.

      Continuando a mantenere i temi proposti durante la Giornata nazionale di preghiera di domenica 22 marzo, preghiamo che il Signore mantenga vivo il nostro senso di appartenenza al Suo popolo, in un periodo in cui siamo fisicamente isolati e distanti tra di noi:

      • la sua Parola rimanga la nostra guida;
      • il suo popolo continui ad essere “gente onorata in cui ripongo tutto il mio affetto” (Sl 16,3);
      • l’obiettivo per cui viviamo sia stabilmente la gloria di Dio che riempie tutta la terra.
  • Benedizione: che la grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti noi.