La visione

vermigliSenza categoria

“La conoscenza della gloria del Signore riempirà la terra come le acque coprono il fondo del mare” (Abacuc 2,14)

Una delle emozioni che si rinnovano all’inizio di ogni anno, è il trovarsi davanti un’agenda. Alcune cose sono già scritte, altre lo dovranno essere. Si dovranno definire degli impegni e fissare delle priorità. L’utilità del tempo che passa, è caratterizzata dalle scelte che si fanno e dal loro significato.
A ben pensare, tutta la vita è una grande agenda su cui vengono vergati i propri impegni. Se essi sono scelti con una visione abbastanza strategica, ci sarà anche un’ampia soddisfazione, se invece non saranno coerenti, vi potranno essere delusioni e smarrimenti.
Se questo è vero per la vita in generale, lo è ancor di più per la vita ecclesiale. Sarebbe assurdo trovarsi in una chiesa senza veramente sapere quale sia il progetto che fa da sfondo alla sua azione o non sentirlo pienamente suo.
Questa traccia di predicazioni cerca di delineare la visione che caratterizza la chiesa evangelica riformata battista di Padova. E’ veramente straordinario sapere che “la conoscenza della gloria del Signore riempirà la terra come le acque coprono il fondo del mare” (Ab 2,14). Nelle pagine che seguono si è cercato di delinare la nostra visione alla luce di questo straordinario scenario.

La nostra visione di chiesa

Il libro tratto dalla serie di sermoni del pastore Pietro Bolognesi sulla visione della chiesa di Padova.

DICHIARAZIONE

Siccome crediamo che “la conoscenza della gloria del Signore riempirà la terra come le acque coprono il fondo del mare” (Ab 2,14), siamo impegnati a:
glorificare la presenza del Dio trino, Padre, Figlio e Spirito Santo, amandolo, celebrandolo in Spirito e verità, ubbidendogli e gioendo per la sua aseità, magnificenza, santità, giustizia, bellezza, grazia e amore;
(Sal 92,2; Mc 12,29-30; Ap 19,4-5; Sal 150)
sviluppare una vita che confessa la fede una volta per sempre trasmessa ai santi, ubbidendo alla Scrittura, per crescere in integrità, grazia e santità; nelle nuove relazioni di popolo di Dio, nella passione per Cristo nella preghiera e nello sviluppo per opera dello Spirito Santo;
(Giuda 3; Col 1,28; Gv 13,34-35; Mt 20,25-28; Fil 2,3-7)
annunciare l’amore di Dio e cioè che il Creatore dei cieli e della terra si è rivelato nell’infallibile Parola di Dio, e la buona notizia che, malgrado l’effettiva perdizione dell’uomo per la rottura dell’alleanza, Dio ha mandato il suo unico Figlio per ristabilire l’alleanza, sanare le lacerazioni e fare discepoli;
(Mt 28,18-20; Gn 1,1; At 1,8; Rm 1,16; 2 Tm 4,1-2)
edificare il popolo di Dio incoraggiando la manifestazione dell’unità dello Spirito fra tutti i veri credenti sulla base dell’Evangelo, favorendo la cooperazione nella verità e nell’amore;
(At 2,42-47; Ef 4,11-13; Rm 14,19; Fil 3,16)
esaltare il Figlio di Dio vivendo in Lui, promuovendo l’eccellenza nelle nostre vite e l’impegno per una cultura alternativa, proclamando tutto il consiglio di Dio, la sua signoria e l’estensione del suo regno in ogni aspetto della vita gioendo nella sua attesa finché verrà.
(Fil 1,20; 2,9-11; Ap 17,14; Rm 10,9; Ap 21,1-4)